Snood, Nodo strutturale: Ricerca e metaprogettazione

E’ un nodo strutturale in silicone che permette di connettere i bamboo con estrema libertà. La struttura così composta può essere utilizzata come separatore di spazi o per creare oggetti semplici, che possano sostenere piccoli pesi.

Il progetto di metaprogettazione è frutto di una indagine teorica sulle tensostrutture. Questo tipo di ricerche, pur essendo prive di una reale funzione, aiutano ad aprire la mente e sviluppare la creatività. Il brief del progetto si basava sul concetto di opposti, rigido/flessibile, naturale/artificiale.

Più spesso di quanto si possa pensare, questo tipo di progetti ha dato vita a prodotti innovativi e commercialmente di successo.

Project

Snood design project, nodo strutturale

Client

ISIA Roma Design

Material

Molded Silicone, bamboo

Le potenialità del bamboo:

qualità e caratteristiche

di un materile innovativo

Lo sapevate che il bambù ha caratteristiche di durezza pari a quelle dell’acciaio? E che può sostenere una compressione di peso doppio rispetto a quella sopportabile dal cemento? Forse no perché questo straordinario materiale non è ben conosciuto in occidente ed è poco usato in edilizia, dove invece si presta benissimo a impieghi strutturali con funzioni portanti (come ben sanno fin dall’antichità nei paesi orientali).

Che cos’è la

metaprogettazione

In progettazione il metaprogetto, anche detto fase metaprogettuale, è l’attività progettuale di natura teorica, avente per obiettivo la gestione e l’indirizzo strategico del processo di transizione tra la fase di istruttoria del progetto (raccolta dei dati e analisi) e la fase di formalizzazione e sintesi dello stesso.

Wikipedia

Questo è Snood

progetto di metaprogettazione

Fotografia

Luigi Agnello

Project Manager

Massimo Ciafrei

Concept & Modeling

Marcello Cannarsa

Leave a Reply